storia - Borgo San Jorio Sacro Cuore

Vai ai contenuti

Menu principale:

storia

Il Borgo

La Storia


LA STORIA di SAN JORIO
(SAN GIORGIO)

L’Abate Stefano Incisa riporta nella sua opera25 , riprendendo dal Tomati26 e dal Boateri27, la presenza di una Chiesa e quattro monasteri “che più non esistono, stati distrutti da Antonio de Leva ed altre guerre…”28 . In particolare a proposito di San Giorgio scrive:

“San Giorgio, Chiesa eretta sopra una Collina al ponente della Città, non molto distante dal Monastero degli Apostoli, di S. Spirito e dai Vairi di San Bernardino, stata eretta dai Nobili di Castello, e dal Marchese di Monferrato (circa gli anni 1320) per la vittoria insigne riportata sulle Truppe della Regina Gioanna di Napoli, dei fuorusciti Solari, ed altri, che perdettero col loro Siniscalco Dago Reforza 30 milla uomini della quale Chiesa più non ci resta che il semplice nome corrotto di Sanjorio

“La titolatura a San Giorgio è assai antica e localmente al santo cavaliere martire cristiano, che diede origine a diversi ordini cavallereschi, sono dedicate molte chiese delle campagne astigiane, in particolare nei dintorni di Aramengo risultano almeno quattro, tra cui S. Giorgio di Bagnasco di Montafia (indicata in alcuni testi come “San Jorio”) […] tutte presenti a partire da poco dopo il Mille.”29

Il culto di S. Giorgio era assai diffuso tanto che moltissime chiese avevano altari a lui dedicati. In Asti, ad esempio, ve ne erano in S. Secondo, nella Cattedrale, in S. Martino, in S. Francesco (demolita)…

N.B. >Le notizie su riportate sono tratte dal libro “Borgo San Jorio Sacro Cuore – Una (non)storia ovvero appunti e note per una Storia del Borgo”realizzato a cura della Commissione storica del Borgo San Jorio – Sacro Cuore (Asti, 2007) reperibile presso la sede del Borgo in via P.S. Mattarella 2, oppure presso le seguenti cartolibrerie: L’Edicola di corso Alba , Libreria Goggia, in corso Alfieri xxx, Asti.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu